Domande? Problemi?

Iscriviti al Google group:

Il progetto e le sue finalità

ReteIsi nasce nel 2002 come libera associazione di Scuole proponenti un progetto di informatizzazione dell’organizzazione scolastica finanziato dall’USR Lombardia nell’ambito degli interventi previsti dalla CM 152/2001 (progetti azione B).

Raggiunti gli obiettivi principali (definizione di un modello architetturale di una intranet scolastica, individuazione della piattaforma software e dei servizi da attivare, traduzione del modello e dei sistemi individuati in installazioni funzionanti) ora ReteIsi mette a disposizione di tutte le Istituzioni Scolastiche interessate a perseguire “politiche” informatiche non episodiche, i risultati raggiunti, proponendosi come punto di raccordo delle esperienze in atto.

Finalità (estratto dai documenti di progetto)

Il progetto ha come oggetto lo sviluppo, in ambiente Open Source, di un framework HW/SW modulare e standardizzato che consenta la razionalizzazione, la conservazione, la gestione collaborativa, la trasmissione e la pubblicazione dei flussi informativi generati dalle attività scolastiche relativamente

  • all’istituzione scolastica nel suo complesso e ai suoi rapporti con altri Istituti (processi interni di raccolta dati, di decisione, di pianificazione delle attività, ed esterni di trasmissione di informazioni, anche afferenti alla didattica, alle attività a distanza e alle collaborazioni su progetti comuni); Interoperable Delivery of European eGovernment Services
  • ai percorsi formativi degli alunni, (valutazione degli apprendimenti e problematica della relativa comunicazione scuola/famiglia anche attraverso l’accesso remoto al fascicolo dello studente );
  • ai rapporti dell’istituzione scolastica con il territorio (iniziative formative rivolte alla cittadinanza promosse in collaborazione con gli EE.LL., certificazione ECDL, pubblicazione/interrogazione patrimonio librario ecc., integrazione in eventuali reti civiche esistenti ecc).

L’architettura HW/SW individuata a sostegno del progetto è quella della intranet d’Istituto, cioè la connessione tra le reti didattiche esistenti, la segreteria e gli ambienti di staff (presidenza, sale insegnanti, biblioteca e quant’altro costituisce luogo in cui abitualmente vengono poste in essere attività relative all’elaborazione e alla gestione delle attività della Scuola). Secondo il ventaglio illustrato nel RGL, le scuole aderenti a questo progetto si collocano, per motivi diversi, all’interno delle tipologie C-D-E: lo strato fisico di rete è già in gran parte disponibile, i completamenti necessari consistono nella posa di dorsali tra edifici diversi poco distanti, nell’aggiunta di punti rete in locali di staff non ancora raggiunti e nell’interconnessione dei segmenti LAN già in essere. Per quanto riguarda le aule tre di noi, ISSS Majorana, IC Bernareggio e IC Bellano, adotteranno anche soluzioni wireless. La connessione delle sedi staccate avverrà adottando canali VPN su ADSL (laddove ADSL è disponibile).

Su questa infrastruttura, si definiranno in modo modulare, valutandone di volta in volta la completezza e la riutilizzabilità e utilizzando standard aperti e strumenti Open Source, procedure e servizi rivolti all’organizzazione e alla gestione di elementi importanti della vita scolastica quali:

processi interni

  • definizione del ‘manuale’ per la configurazione e il buon uso della struttura intranet, comprese le fondamentali procedure di backup e quelle relative alla sicurezza;
  • gestione degli account personali di docenti, non docenti e alunni necessari per l’autenticazione e l’accesso sicuro e controllato alla rete d’Istituto e ai suoi servizi;
  • esportazione dei dati personali dello studente solitamente ‘sepolti’ in segreteria, per la predisposizione di modulistica e/o report;
  • pianificazione e documentazione della programmazione didattica e curricolare secondo modalità che ne permettano la pubblicazione sulla rete, il confronto e la verifica;
  • definizione del fascicolo dello studente (FAST) che è alla base di qualsiasi servizio interattivo scuola/famiglia riutilizzabile in ambito regionale;
  • registro elettronico dei voti e delle valutazioni;
  • gestione delle verbalizzazioni e degli strumenti di supporto alle decisioni (griglie, quadri valutativi);
  • procedure per la pianificazione e il calendario delle attività;
  • comunicazioni interne: albi elettronici con funzionalità di organizzazione e ricerca documentale;
  • gestione delle risorse strumentali disponibili (prenotazione, monitoraggio dell’uso, manutenzioni);
  • gestione della biblioteca e dei servizi correlati (compresa l’interrogazione remota e l’eventuale integrazione del patrimonio librario scolastico con quello delle locali biblioteche civiche);

processi esterni

  • connessione (VPN) delle sedi staccate e/o dei plessi in cui si articola l’Istituto;
  • assistenza/manutenzione remota degli apparati server anche fra Istituti diversi (collaborazione sistemistica e consolidamento delle competenze interne rese disponibili anche ad altri istituti);
  • interazione remota territorio-scuola (comunicazioni scuola/famiglia e problematica dell’autenticazione e del riconoscimento digitale, integrazione in reti civiche esistenti,);

La natura eterogenea del raggruppamento di Scuole che presenta questo progetto e gli accordi orientati allo sviluppo parallelo e mutuamente assistibile della piattaforma intranet, consentirà

  • lo sviluppo di un modello hw/sw di intranet scolastica facilmente duplicabile in altre realtà grazie alla standardizzazione, all’economicità e al modelle di sviluppo aperto che caratterizza le soluzioni sistemistiche adottate;
  • lo studio delle problematiche connesse con l’autenticazione e il riconoscimento digitale di tutti i soggetti che per vari motivi devono o vogliono interagire in modo sicuro con la scuola;
  • l’individuazione dei sistemi per la comunicazione sicura tra plessi e/o scuole diverse (connessioni VPN, sviluppo collaborativo di siti web, forum);
  • lo sviluppo di servizi significativi per la gestione, il monitoraggio, il reporting e la comunicazione dell’attività didattica anche attraverso connessioni remote sicure e personalizzate;
  • lo sviluppo di strutture dati fondamentali, estensibili ed aperte, capaci di descrivere e rendere accessibili ed elaborabili i flussi informativi legati all’ordinaria attività didattica e alla sua organizzazione;
  • la definizione e lo sviluppo di servizi sicuri per l’interrogazione remota di database scolastici;
  • la costitituzione di una rete di scuole di ordini diversi che condividono soluzioni applicative modulari, sia hardware che software, sperimentando anche forme di assistenza remota di tipo sistemistico su infrastrutture simili;
  • la sperimentazione di forme di lavoro collaborativo relativamente alla progettazione di infrastrutture e servizi comuni ad istituzioni scolastiche di natura diversa.